Raggio: Chiuso
Raggio:
km Set radius for geolocation
Cerca

Quote tonno in Sicilia, i grillini: "Ripartirle tra coloro che oggi sono esclusi"

 “Il fatto che il sottosegretario Castiglione sia rimasto attaccato alla poltrona, in assoluta continuità con la disastrosa azione del governo che rappresenta, non è un segnale incoraggiante per i pescatori artigianali vessati da una moltitudine di problematiche rimaste irrisolte”. A dichiararlo è la deputata M5S all’Ars Angela Foti, prima firmataria di un atto parlamentare che impegna il Governo Regionale ad attivarsi a Roma, per una ripartizione delle quote tonno che comprenda coloro che ad oggi ne sono esclusi. Sulla vicenda aveva sollevato perplessità intervenendo in Parlamento Europeo anche l’eurodeputato alcamese Ignazio Corrao. “A metà dicembre, il Consiglio di Pesca ha ufficializzato la Quota del Tonno Rosso per l’Italia, anno 2017: sono 3.304,82 tonnellate, in crescita rispetto alle 2.752 tonnellate dello scorso anno. La quota aggiuntiva, circa 600 tonnellate, andrà ripartita con Decreto a Roma, probabilmente dopo Natale. E’ quindi assolutamente indispensabile che i pescatori e le associazioni di categoria si facciano sentire presso il Ministero al più presto”.

“Abbiamo chiesto a Crocetta – aggiunge la deputata Ars Angela Foti – di attivarsi presso il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali affinché l’incremento del contingente di cattura del tonno rosso assegnato all’Italia per l’anno 2017 venga ripartito in modo tale da assicurare contemporaneamente la copertura delle inevitabili catture accidentali che hanno determinato sproporzionate e vessatorie sanzioni, peraltro recentemente maggiorate dagli articoli 39 e 40 delle legge 154/2016, ed il rilascio di nuovi permessi di pesca del tonno rosso ai pescatori artigianali che in passato avevano fatto richiesta di permessi ma ai quali non sono stati mai rilasciati. Qualora il Ministero competente, ripartisse tali quote aggiuntive alle marinerie artigianali, sarebbe un segnale di concretezza che oggi in tanti aspettano e che i regolamenti europei caldeggiano sia per il recupero di pratiche tradizionali e meno impattanti sia per evitare si rafforzino monopoli. Un banco di prova a cui i vari Castiglione e Cracolici non dovranno rimanere a guardare a meno che non intendano tutelare interessi che nulla hanno a che vedere con i pescatori artigianali siciliani, che riguardano le poche e potenti marinerie oltre lo stretto. La deputata M5S all’Ars aveva le scorse settimane chiesto l’intervento dell’eurodeputato Marco Affronte che così si era espresso su quote tonno: “E’ in Italia che si decidono le quote, non a Bruxelles. Anzi purtroppo i Parlamentari Europei e il Parlamento spesso non sono coinvolti in nessuna fase del processo decisionale. Noi possiamo solo fare pressioni indirette: in questo senso mi auguro che le quote aggiuntive siano ripartite fra i piccoli pescatori che ne fecero richiesta perché il Tonno Rosso deve tornare ad essere una ricchezza italiana, e non un privilegio di pochi”.


TP24: il territorio in diretta